Marco Gentili per l'Università Agraria

16/01/12 Discorso per la crisi politica creatasi nell’Ente Agrario di Tarquinia

UNIVERSITA’ AGRARIA DI TARQUINIA

16 gennaio 2012
Discorso per la crisi politica creatasi nell’Ente Agrario di Tarquinia
del Consigliere Agrario PD, Marco Gentili.

— — —

Illustrissimo Signor Presidente,

Egregi Consiglieri,

Gentilissimo pubblico,

I partiti politici hanno un ruolo fondamentale in un sistema democratico. La loro peculiarità è quella di raccogliere le esigenze che nascono dai bisogni dei cittadini e tentare di risolverle.

Ma i partiti sono tutti uguali e agiscono alla stessa maniera e per lo stesso scopo? Non mi pare, visto lo scenario in cui ci troviamo oggi.

Anche la storia ci insegna che non è così: Sandro Vallesi e Sergio Mancinelli Ex-Presidenti dell’Università Agraria di Tarquinia, per cause molto più degne e nobili rispetto alle vostre beghe mentali e alla vostra mania di protagonismo, se vogliamo dirla tutta hanno cessato il mandato elettorale per decadenza anticipata. Il primo nel gennaio del 1990 e il secondo nel dicembre del 1999.

Ogni parte politica ha una visione propria della società e su questo stabilisce i suoi programmi per avere il consenso degli elettori e formare alleanze. Benissimo. La nostra maggioranza ha eseguito buona parte del suo programma condiviso unitariamente da tutti quelli che ora si riservano di valutare assise per assise gli atti presentati.

I messaggi provenienti dal vostro, a dir poco squallido, mondo politico, in questi ultimi tempi sono piuttosto deludenti, perché più che rivolti alla soluzione dei i problemi dei territori di Tarquinia, sembrano concentrati a garantire l’esercizio del potere espansivo ai vari esponenti una volta nominati.

Non mi sono particolarmente chiare le motivazioni di alcuni membri di questo Consiglio che li hanno portati a collidere con esso[1].

Pensate davvero che ognuno di noi quando si era candidato non si auspicasse di ottenere i voti necessari per ricoprire incarichi maggiori del Consigliere? Io personalmente no, e credo che la mia visione, almeno che questi non siano ipocriti, possa essere estesa a tutti nostri Colleghi. Tuttavia, ringraziando i nostri sostenitori siamo qui chiamati ad agire per loro e anche per quelli che non ci considerano proprio. Queste prerogative appena menzionate sono la fondamentale base della democrazia. Non avendo ottenuto maggiore supporto dai nostri compaesani non abbiamo chiesto alcunché. Specialmente ora e dove non siamo stati neanche eletti.

Questo stato di cose e di accadimenti sta generando dei “veri artisti della politica”, che una volta eletti, fiutano l’aria, formano il loro nuovo partitino e, visto che la politica paga bene, sono pronti e buoni per stare a destra o a sinistra secondo il tornaconto personale, in barba agli elettori che li hanno votati, magari in un altro partito e per scopi più nobili.

Se questa sera cade questa Amministrazione è ora che la gente dica con chiarezza a questi signori “ben pensanti” che sono stati votati non perché sono Pinco Pallino, ma perché vorrebbe vedere risolti i diversi problemi, perché vuole esaudite le proprie aspirazioni e perché spera di migliorare le proprie condizioni di vita. E’ su questo, e solo su questo, che un leale e onesto cittadino eletto deve dimostrare le sue capacità ed impegnarsi. Non è legittimo scambiare il consenso elettorale ottenuto tramite il lavoro e le idee di molti per una specie di tesoretto o portafoglio personale, da portare a destra o a sinistra con il fine di mercanteggiare col miglior offerente la propria “carriera” politica.

Detto ciò, voglio quindi ribadire la mia profonda convinzione: la politica deve essere vista come un agire a tempo determinato e come una missione al servizio del bene comune.

Proprio per questo guardando esclusivamente a questo Ente, chiedo nuovamente a Lei Presidente Antonelli di mettere la fiducia in un programma che fino a ieri sosteneva gran parte di questa assemblea e che io continuerò a supportare, sperando anche nella buona fede di ogni singolo Consigliere che stasera sarà chiamato al voto. La esorto inoltre a non esitare nel chiedere la stessa e, se questa sarà ottenuta, di prendere in seria considerazione la proposta di mettere a giro la delega del bilancio, nei modi e nei tempi che Lei conosce. Ringraziando il Consiglio nel rispetto della Politica, del nostro patrimonio e della salvaguardia pubblica generale.

 Grazie ancora,
Marco Gentili

 

17
gen 2012
Categorie

Discorsi

Commenti Nessun commento

14^ Convocazione Consiglio

Siete invitati a partecipare alla seduta del Consiglio di Amministrazione o a seguire la diretta Streaming che si terrà, in sessione straordinaria, presso la sala consiliare del Comune di Tarquinia – Piazza G. Matteotti n. 6 – in data 16/01/12, alle ore 18.00 per discutere e deliberare sul seguente:

ORDINE DEL GIORNO

  1. Approvazione verbale seduta consiliare precedente.
  2. Verifica di maggioranza;
  3. Modifica composizione Commissioni consiliari e Conferenza dei Capigruppo
13
gen 2012
Categorie

Convocazioni

Commenti Nessun commento